Mezzo gradino

PROBLEMA: M. si muove a piccoli passi. E’ in grado di camminare usando appoggi ambientali ed anche di compiere le scale. Alla fine delle scale c’è un gradino ulteriore per accedere al piano terra della casa. Non c’è un buon appoggio al corrimano e il gradino viene eseguito con difficoltà.

SOLUZIONE: Con alcune piastrelle impilate è stato creato un gradino intermedio su cui M. può arrivare più facilmente e da li scendere (o salire) agevolmente. La soluzione è ben gestita dai care-giver in termini di supervisione.

Stabilizzatore WC modificato

PROBLEMA: Non è agevole l’attività di igiene intima da parte dell’assistente che non riesce ad entrare con la mano all’interno del WC a causa della presenza dell’asse e di cosce molto voluminose

SOLUZIONE: Viene tagliata la parte anteriore dell’asse della tazza e aggiunti 2 supporti di legno per rendere stabile la soluzione che ora permette l’ingresso frontale delle mani e un’igiene intima più semplice

Jpeg

Ancoraggio tra letto e carrozzina

10° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Sono una fisioterapista, lavoro in un Ospedale che si occupa di neuroriabilitazione con pazienti adulti. Nei trasferimenti tra letto e carrozzina da parte di persone con lesione midollare, frequentemente la carrozzina, malgrado la frenatura, si allarga rispetto al letto creando un pericoloso “vuoto” che non rende sicuro nemmeno l’utilizzo della classica assetta.

SOLUZIONE: Costruendo e posizionando un gancio la carrozzina non si sposta più, consentendo trasferimenti sicuri ed in totale autonomia non serve più la presenza di una persona che tiene la carrozzina perché “non si sa mai…!”

Supporto per ombrello su carrozzina

2° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Ho la sclerosi multipla e mi sposto in carrozzina. Visto che la sclerosi multipla agisce sulla

fatica non riesco a fare le cose che voglio con la carrozzina manuale, quindi mi sono attrezzato con quella elettrica ma fatico quando piove a mantenere l’ombrello, manovrare la carrozzina e magari rispondere al telefono.

SOLUZIONE: Ho fatto costruire un supporto per carrozzina che permette di mantenere fermo l’ombrello. Così mi ritrovo con una mano che rimane libera per il joystick e l’altra per il telefono

Trucco per chiudere la porta di casa

6° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Uscendo con la carrozzina elettrica e avendo solo una mano utile, non potendo tenere contemporaneamente il comando della carrozzina e la maniglia della porta, dovevo pensare a come chiudere la porta di casa.

SOLUZIONE: Ho risolto il problema mettendo una palla di circa 15 cm di diametro dietro la porta. Una volta uscito, con una spinta del piede alla porta, fatto in modo che la stessa, rimbalzi contro la palla, chiudendosi. Costo due euro

Per info su questo e altri progetti: http://www.carloventurelli.it/afdt/Progetti.html

Gancio per trainare carrozzina manuale con carrozzina elettrica

15° classificato al concorso “Creiamo lo strumento per condividere gli strumenti”

PROBLEMA: Poter uscire di casa in 2 usando una carrozzina elettronica ed una manuale.

SOLUZIONE: Ho creato un collegamento tra le 2 carrozzine.

Gli adattamenti per questo ausilio, si dividono in due parti:

1. Quelli sulla carrozzina manuale: Ho legato delle corde nella parte inferiore della carrozzina, vicino alle ruote piccole, e nella parte superiore, nei braccioli. Questi due punti di ancoraggio sono stati pensati per impedire alla carrozzina trainata di impuntarsi in un eventuale buca o scalino.

2. Quelli sulla carrozzina elettrica: Ho fissaci due ganci a forma di S, nella parte posteriore della B 500. La forma della S, è stata pensata per facilitare l’inserimento di un moschettone, chiuso.

Costo del materiale totale € 22

Per info su questo e altri progetti: http://www.carloventurelli.it/afdt/Progetti.html

Letto modificato

PROBLEMA: A M. in seguito di patologia neurologica viene prescritto un letto ospedaliero che permetta il contenimento con le sponde. La modifica significherebbe eliminare il letto matrimoniale che divide con il marito da sempre.

SOLUZIONE: Il marito ha fissato la struttura del letto ospedaliero alla rete del letto matrimoniale. In questo modo la moglie è contenuta tra la sponda ed il marito che può continuare a dormire con lei.

Sedie impilate per alzare la seduta

PROBLEMA: M. ha subito una frattura d’anca trattata con un’artroprotesi. Al ritorno a casa l’indicazione è quella di non sedersi su sedie basse come precauzione per evitare un’eventuale lussazione. M. abita in una casa di campagna e non ha sedie adattate alte

SOLUZIONE: Utilizzando 3 sedie da guardino impilate si è ottenuta una seduta alta, con braccioli e schienale

Tirarsi su nel letto

PROBLEMA: C. scivola verso il fondo del letto e fatica a tirarsi su verso i cuscini.

SOLUZIONE: Utilizzando una normale morsa alla testiera del letto con in aggiunta una corda, un tessuto o in questo caso un paio di mutande, C. riesce ad aiutarsi di più per spostarsi verso i cuscini