Dispositivo di input per PC

L’ausilio ha l’obiettivo di permettere l’utilizzo del PC sostituendo completamente il mouse classico.

Il dispositivo consente alla persona con difficoltà motorie di utilizzare il PC in totale autonomia. Permette di effettuare

  • Spostamento cursore
  • Clic tasto destro
  • Trascinamento
  • Tasti freccia

Allo studio un miglioramento per ottenere un clic ciclico (es. per giochi “sparatutto”

Tempo impiegato per la costruzione: 1 giorno

Costo: 60-70€

Ausilio costruito da Giuseppe D’Angelo

 

 

Privacy in bagno

L’ausilio ha l’obiettivo di garantire la privacy in bagno.

Permette alle persone che hanno uno scarso controllo del tronco di espletare le proprie funzioni corporee in totale sicurezza e privacy. Significa che una volta sul WC, l’assistente si può allontanare

Il materiale è stato reperito in ferramenta.

Il tempo necessario per la costruzione è stato di 6-7 ore per un costo di 60-70€

L’ausilio è stato realizzato da Giuseppe D’Angelo

 

 

Reed

Disabilità della persona che utilizza l’ausilio: tetraplegia

L’ausilio è stato ideato con questa finalità: per facilitare l’uso del computer, dello smartphone, del tablet e delle apparecchiature che funzionano “al tocco”, che necessitano
di una manualità fine o dell’estensione delle dita.

Descrizione sintetica
Si tratta di una protesi per le dita, costruita artigianalmente e su misura, che permette di usare il computer e touch screen. Io sono tetraplegico e il “Reed” mi permette di lavorare
al computer e di usare lo smartphone. Non necessita di laboratori o macchinari particolari per essere prodotto. Si costruisce in casa con un materiale facilmente reperibile, buste di
“termoplastica” o “plastica polimorfa” acquistabili su eBay. L’idea è nata a Montecatone nel 2013 durante il mio percorso riabilitativo. Dopo la dimissione ne ho costruita una versione
più evoluta e più adatta alle mia necessità.
L’ausilio è utilizzabile in autonomia o con un assistente?L’uso del “Reed” non necessita di un assistente.

Note tecniche
Materiali utilizzati: buste di “termoplastica” o “plastica polimorfa”.

Reperibilità dei componenti/materiali: facilmente reperibile online.

Costo totale realizzazione ausilio:
20 – 30 €

Tempo per produrre l’ausilio: 1h

Competenze specifiche necessarie/ livello di difficoltà per copiare l’idea: No

Nome e cognome di chi ha realizzato l’ausilio_Slobodan e Bojana (Rehabventure team)
Facebook https://www.facebook.com/rehabventure

 

 

Maniglia al mobiletto

PROBLEMA: G. per alzarsi dalla doccia e mantenersi in piedi per asciugarsi aveva bisogno di una maniglia ma per la disposizione del mobilio non c’era spazio per fissarla.

SOLUZIONE: Il marito ha fissato al muro il mobile vicino alla doccia. Poi ha fissato allo sportello una maniglia e un chiavistello per evitare che durante l’appoggio si possa aprire lo sportello. Non è una soluzione convenzionale ma nel complesso è stabile.

Maniglia per telefono

PROBLEMA: A. fatica a tenere in mano il telefono cordless di casa durante le telefonate a causa di un deficit della presa e dell’elevazione della spalla

SOLUZIONE: Il fratello attacca una maniglia da porta al retro del telefono e questa modifica permette ad A. di accostare molto più facilmente il telefono all’orecchio e mantenerlo in posizione per tutta la telefonata.

Comodino rotante

PROBLEMA: P. per spostarsi tra letto e carozzina ha installato un sollevapersone a bandiera in camera. La colonna ora è al posto del comodino e P. ha bisogno di appoggiare medicine, occhiali, acqua.. vicino al letto.

SOLUZIONE: Il marito ha creato un piccolo tavolino rotante ancorato alla colonna del sollevapersone che permette a P. di gestire un appoggio e di spostarlo quando non serve.

Mezzo gradino

PROBLEMA: M. si muove a piccoli passi. E’ in grado di camminare usando appoggi ambientali ed anche di compiere le scale. Alla fine delle scale c’è un gradino ulteriore per accedere al piano terra della casa. Non c’è un buon appoggio al corrimano e il gradino viene eseguito con difficoltà.

SOLUZIONE: Con alcune piastrelle impilate è stato creato un gradino intermedio su cui M. può arrivare più facilmente e da li scendere (o salire) agevolmente. La soluzione è ben gestita dai care-giver in termini di supervisione.

Stabilizzatore WC modificato

PROBLEMA: Non è agevole l’attività di igiene intima da parte dell’assistente che non riesce ad entrare con la mano all’interno del WC a causa della presenza dell’asse e di cosce molto voluminose

SOLUZIONE: Viene tagliata la parte anteriore dell’asse della tazza e aggiunti 2 supporti di legno per rendere stabile la soluzione che ora permette l’ingresso frontale delle mani e un’igiene intima più semplice

Jpeg